CastaDiva

CastaDiva
Marzo 30, 2014 @ 11:47 AM 13.157 note

..quel che ci fa vivere forse più dei ricordi è la nostra capacità di oblio.Se ricordassimo tutto, mille volte il dolore ci impedirebbe di andare avanti.…penso che dimenticare sia un’arte. Una delle arti più utili e peggio praticate che si conoscano. E anche un’arte che, come tante altre, tutta l’umanità pratica senza rendersene conto. Dimentichiamo, nel bene o nel male dimentichiamo, a cominciare dalla morte, dimentichiamo mille cose per poter vivere. E, anche se non lo ammettiamo, forse più si dimentica meglio si vive. Non faremo niente se la consapevolezza della nostre morte ci accompagnasse sotto la doccia……Per restare in vita riusciamo a dimenticare gli indimenticabili, i migliori, i più buoni, quelli che ci hanno fatto più felici. E se siamo capaci di dimenticare la morte, che cosa non riusciremo a dimenticare? Per questo dimentichiamo il dolore e quelli che ce l’hanno provocato.…. Dimenticare è un’arte, a volte maligna e penalizzante, ma sempre generosa. Invece ricordiamo. Non nel momento appropriato, perchè nessun momento è adatto al dolore. Ricordiamo e non esiste una cattiva memoria che ci aiuti a fugare la paura quando questa attraversa la nostra esistenza

da Il mondo illuminato (Angeles Mastretta)

..quel che ci fa vivere forse più dei ricordi è la nostra capacità di oblio.Se ricordassimo tutto, mille volte il dolore ci impedirebbe di andare avanti.
…penso che dimenticare sia un’arte. Una delle arti più utili e peggio praticate che si conoscano. E anche un’arte che, come tante altre, tutta l’umanità pratica senza rendersene conto. Dimentichiamo, nel bene o nel male dimentichiamo, a cominciare dalla morte, dimentichiamo mille cose per poter vivere. E, anche se non lo ammettiamo, forse più si dimentica meglio si vive. Non faremo niente se la consapevolezza della nostre morte ci accompagnasse sotto la doccia……Per restare in vita riusciamo a dimenticare gli indimenticabili, i migliori, i più buoni, quelli che ci hanno fatto più felici. E se siamo capaci di dimenticare la morte, che cosa non riusciremo a dimenticare? Per questo dimentichiamo il dolore e quelli che ce l’hanno provocato.
…. Dimenticare è un’arte, a volte maligna e penalizzante, ma sempre generosa. Invece ricordiamo. Non nel momento appropriato, perchè nessun momento è adatto al dolore. Ricordiamo e non esiste una cattiva memoria che ci aiuti a fugare la paura quando questa attraversa la nostra esistenza

da Il mondo illuminato (Angeles Mastretta)

Marzo 30, 2014 @ 9:39 AM 2 note

hoodoothatvoodoo:

Bob Beerman
'Marilyn Monroe'
1950
View Larger

hoodoothatvoodoo:

Bob Beerman

'Marilyn Monroe'

1950

(via figurative-arts)

Marzo 30, 2014 @ 9:31 AM 792 note

L’amore dopo l’amore

Verrà il momento
in cui, con gioia,
saluterai te stesso mentre arrivi
alla tua porta, nel tuo specchio,
e ognuno sorriderà al benvenuto dell’altro,

dicendo: siediti qui. Mangia.
Amerai di nuovo l’estraneo che era te.
Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore
a se stesso, all’estraneo che ti ha amato

per tutta la vita, che hai ignorato
per un altro, che ti conosce a memoria.
Togli le lettere d’amore dallo scaffale dei libri,

le foto, gli appunti disperati,
sbuccia la tua immagine dallo specchio.
Siediti. Banchetta con la tua vita.

 

(“L’amore dopo l’amore” Derek Walcott)

Marzo 30, 2014 @ 9:26 AM 2 note

(Fonte: pekoriin, via protegio)

Marzo 30, 2014 @ 9:19 AM 6.362 note
Marzo 29, 2014 @ 8:54 PM 2.810 note

-Se ti baciassi, ricambieresti?
-Certo.
-Allora ti bacio, ma tu ricambi-e-resti.”

Marzo 25, 2014 @ 12:36 AM 15 note
Febbraio 18, 2014 @ 10:50 PM 164 note

“”

Adoro infrangere (di nascosto) le regole che stabilisco alla famiglia e agli amici
Gennaio 11, 2014 @ 12:22 PM 1 nota

“Ogni giorno troverò il tempo per entrare in comunione con la natura e per percepire in silenzio l’intelligenza che è in ogni essere vivente. Mi siederò e, in silenzio, osserverò il tramonto, oppure ascolterò il rumore dell’oceano o di un corso d’acqua, o semplicemente sentirò il profumo di un fiore. Nell’estasi del mio silenzio attraverso la comunione con la natura godrò del palpitare eterno della vita, del campo della potenzialità pura e della creatività illimitata.”
 -Deepak Chopra-


“Ogni giorno troverò il tempo per entrare in comunione con la natura e per percepire in silenzio l’intelligenza che è in ogni essere vivente. Mi siederò e, in silenzio, osserverò il tramonto, oppure ascolterò il rumore dell’oceano o di un corso d’acqua, o semplicemente sentirò il profumo di un fiore. Nell’estasi del mio silenzio attraverso la comunione con la natura godrò del palpitare eterno della vita, del campo della potenzialità pura e della creatività illimitata.”

 -Deepak Chopra-

Gennaio 11, 2014 @ 12:21 PM 1 nota
Gennaio 11, 2014 @ 12:14 PM 155 note

Anonimo:

Cell'hai il moroso?

si ce l’ho

Novembre 22, 2013 @ 12:27 PM

Anonimo:

Hai fantasie che non dici a nessuno?

certo che le ho,come tutti

Novembre 7, 2013 @ 11:25 AM


Che cos’è l’insonnia se non la maniaca ostinazione della nostra mente a fabbricare pensieri, ragionamenti, sillogismi e definizioni tutte sue, il suo rifiuto di abdicare di fronte alla divina incoscienza degli occhi chiusi o alla saggia follia dei sogni? (Marguerite Yourcenar)

Ottobre 17, 2013 @ 10:41 PM 13 note
Ottobre 9, 2013 @ 6:49 AM 6 note